Ceramiche dell' Ossola

"Le Ceramiche della Valle dell'Ossola" prodotte dalla Kamares, sono le uniche a continuare la tradizione dell'antica fabbrica di Premia, in valle Antigorio, fondata nel 1808 dal parroco di questo paese, Domenico Toietti.
Il materiale per la produzione della ceramica, veniva estratto lungo il fiume Alfenza, nel territorio di Viceno.

L'argilla veniva trasportata dalla cava a Premia, ove il Toietti fece costruire una fornace a case Francesco. Tipi e marchi della fabbrica di maiolica imitano quelli degli antichi vasari cunardesi e campionesi.

Lo stile e i cartigli sono di intonazione barocca, tanto da sembrare lavori secenteschi; le fioriture ingenue ed abbondanti sono caratterizzate da ornati azzurro e marrone. La fabbrica venne diretta con successo da artisti cunardesi e fiorì fino al1862, anno in cui si spensero i fuochi nell'indifferenza delle popolazioni ossolane. Se ne tentò la ripresa da parte di un artista ginevrino ma la cosa non ebbe seguito. Si dovrà attendere più di un secolo per assistere al rifiorire di questa attività.

Dal 1978, infatti, LA CERAMICA KAMARES si dedica al recupero della "Vecchia Premia": oltre alla riproduzione fedele dei vecchi manufatti ancora esistenti, continua la tradizione con prodotti rinnovati nella forma, usando le stesse antiche tecniche manuali, gli stessi colori e gli stessi motivi decorativi. La grafica del logo, per rendere questi prodotti unici e riconoscibili, si è ispirata al manico di un'antica caraffa della fabbrica di Premia.

Da oltre vent'anni IL PORTICO è l'esclusivo rivenditore per la Valle Vigezzo di questa ceramica tornita e dipinta a mano.